Tag Titolo Abstract Articolo
Alain Minc
Il futuro che ci attende
immagine
Il mutamento è ovunque e da nessuna parte, come lo è il potere che in modo misterioso si intreccia con tutte le vicende umane; possiamo prendere in esame infiniti mutamenti possibili, eventi solo in apparenza fantastici, ma in realtà frutto della nostra immaginazione che è il più alto grado dell'esperienza conoscitiva. Questo libro ne analizza dieci, di diversa natura. Più che di microprofezie si tratta di dieci metafore. Ogni giornata prospetta uno scenario probabile, una sfida chiave per il futuro a breve, medio o lungo termine. Naturalmente si potrebbero immaginare molti altri giorni emblematici, che celerebbero altrettante metafore. La scelta è ricaduta su questi dieci in quanto singole manifestazioni di una Weltanschauung, di una visione soggettiva che rivendico volentieri.
Giulio Sapelli
Tra questione nazionale e questione internazionale
immagine
In Italia l’intreccio tra nazione e internazionalizzazione opera sin dalla sua nascita come stato – non dirò come nazione – e opera ancora oggi. Ma quell’intreccio non è mai stato culturalmente condiviso; e soprattutto esso non ha mai avuto conseguenze positive sulla crescita economica, se non seguendo meccanicamente i cicli del commercio mondiale. Piuttosto, esso si è rivelato un intreccio predatorio sul piano del capitale fisso e intellettuale dall’Italia secolarmente accumulato. E questo si è verificato ogni volta che esso raggiungeva un’acme che poteva essere potente risorsa competitiva nell’agone internazionale. Si provvedeva subito a castrare il paese, lo stato, di tale risorsa: non è mai esistita, in tal modo, una storia nazionale che fosse sempre anche virtuosamente storia internazionale e che per questo si disvelasse come una variante virtuosa del processo di crescita economica.
Pier Paolo Pasolini
Che cos’è la cultura di una nazione?
immagine
24, giugno 1974 - I problemi di un intellettuale appartenente all’intelligencija sono diversi da quelli di un partito e di un uomo politico, anche se magari l’ideologia è la stessa. Vorrei che i miei attuali contraddittori di sinistra comprendessero che io sono in grado di rendermi conto che, nel caso che lo Sviluppo subisse un arresto e si avesse una recessione, se i Partiti di Sinistra non appoggiassero il Potere vigente, l’Italia semplicemente si sfascerebbe; se invece lo Sviluppo continuasse così com’è cominciato, sarebbe indubbiamente realistico il cosiddetto «compromesso storico», unico modo per cercare di correggere quello Sviluppo, nel senso indicato da Berlinguer nel suo rapporto al CC del partito comunista. Tuttavia, come a Maurizio Ferrara non competono le «facce», a me non compete questa manovra di pratica politica. Anzi, io ho, se mai, il dovere di esercitare su essa la mia critica, donchisciottescamente e magari anche estremisticamente. Quali sono dunque i miei problemi?
Vandana Shiva
Sementi. Acqua e forma di vita
immagine
Tutti i movimenti di liberazione della storia recente sono stati di parte ed esclusivisti. Hanno, infatti, tagliato fuori le altre specie e le culture altrui, oltre che la politica del rinnovamento portata avanti dalle donne nel quotidiano. Per la prima volta abbiamo l'opportunità di andare alla ricerca della libertà secondo dettami esattamente antitetici, ovvero trovandola nella nostra diversità, in collaborazione con le altre specie e con metodi non violenti. La libertà di essere diversi è l'alternativa alla globalizzazione.
Jacques Attali
Sette lezioni di vita
immagine
Un giorno o l'altro questa crisi si concluderà, come tutte le altre, lasciando dietro di sé innumerevoli vittime e qualche raro vincitore. Ma ciascuno di noi potrebbe anche uscirne in uno stato di gran lunga migliore di quello con cui ci siamo entrati. Questo a patto di comprenderne la logica e il percorso, di servirsi delle nuove conoscenze accumulate in vari settori, di contare soltanto su se stessi, di prendersi sul serio, di diventare attori del proprio destino e di adottare audaci strategie di sopravvivenza personale.La posta in gioco è gigantesca: per sopravvivere alla crisi l'umanità deve essere consapevole della gravità di ciò che, in un lontano futuro, potrà mettere a repentaglio la sua sopravvivenza e prepararsi ad affrontarlo. Per esserlo, deve cominciare con la conoscenza del suo passato, delle prove alle quali è sopravvissuta nel corso di millenni. Deve inoltre, avendo trovato una sua ragion d'essere, dotarsi di un progetto a lungo termine.
Inizio
<< 10 precedenti
10 successivi >>
Storia&storici è diretto da Roberto Moro
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact